Plesso prostata

Come curare prostata a casa

Sede e struttura della prostata. Ha un apice che è rivolto verso il basso, una base rivolta plesso prostata alto, una superficie posteriore e anteriore e due superfici laterali. Dietro la prostata si trova il retto. Tra prostata e retto si interpone una sottile fascia denominata plesso prostata di Denonvilliers.

Dietro alla prostata, al livello della base, si trova la parte iniziale delle vescichette seminali, le quali secernono una parte del plesso prostata semimale.

Le vescichette si uniscono con i dotti deferenti che provengono dai testicoli e trasportano gli spermatozoi. La prostata è costituita da circa 20 strutture ghiandolari ramificanti che si diffondono in una matrice fibromuscolare. Vascolarizzazione plesso prostata le vene prostatiche al livello dei fasci vascolo-nervosi e il plesso venoso prostato-vescicale o di Santorini. Deriva dal sistema nervoso autonomo.

Rami provenienti dal plesso pelvico formano i nervi cavernosi che decorrono nei fasci vascolonervosi sulla superficie posterolaterale della prostata. Lungo il loro decorso danno origine a rami prostatici che innervano la capsula e lo stroma prostatico e le ghiandole prostatiche. Le fibre sono di appartenenza sia del sistema parasimpatico sia plesso prostata sistema simpatico.

Il sistema simpatico agisce sulle miocellule lisce dello stroma e della capsula prostatica. Plesso prostata a queste cellule la prostata produce, insieme alle vescichette seminali, il liquido seminale, che con gli spermatozoi provenienti dai testicoli costituiscono lo sperma. Il liquido seminale plesso prostata fondamentale per la sopravvivenza e il trofismo degli spermatozoi ai fini di una capacità fecondativa efficace. Una delle proteine prodotte dalle ghiandole prostatiche è plesso prostata PSA antigene prostatico specifico.

Questa parte rappresenta plesso prostata PSA totale. In alcune patologie prostatiche prostatiti, tumore il PSA totale aumenta e il rapporto tra PSA free e totale si altera, fatto molto importante ai fini di una diagnosi precoce. Nella prostata lo stimolo a crescere e il mantenimento delle dimensioni e della funzione secretoria sono dovuti alla presenza continua del testosterone nel sangue, principale ormone androgeno, prodotto dai testicoli sotto lo stimolo ipofisario.

Dentro la prostata il testosterone viene trasformato da un enzima 5-alfa-reduttasi a una forma molto più attiva, il diidrotestosterone. La principale funzione della prostata è la produzione del liquido seminale.

Una prostata sana ha le dimensioni di una noce. Questo potrebbe rallentare o fermare il flusso di urina dalla vescica plesso prostata pene. Il maschio ha due sfinteri urinari, uno volontario e uno liscio, che si contrae per via riflessa. Lo sfintere urinario volontario, plesso prostata anche esterno o striato o rabdomiosfintere, è un muscolo sotto il diretto controllo volontario si contrae e si rilascia quando vogliamo noi.

Alcune fibre dello sfintere in realtà si dirigono anche verso la prostata e avvolgono la parte anteriore della ghiandola. Questo sfintere si trova in stretto contatto ed è consolidato con un gruppo di altri muscoli, tendini e fascie. Tutto questo complesso fibromuscolare, detto diaframma uro-genitale, plesso prostata un vero e proprio pavimento che chiude la pelvi e delimita un altra regione anatomica che si chiama perineo.

SI trova al livello del collo vescicale, nella giunzione plesso prostata vescica e prostata. A questo livello i fasci muscolari della parete vescicale formano una struttura circolare ed a imbuto che ha la plesso prostata di uno sfintere: è chiuso a riposo e plesso prostata rilascia a inizio minzione. A causa di questi intimi rapporti anatomici, gli interventi chirurgici o endoscopici al livello prostatico possono ledere gli sfinteri urinari.

Quindi rimane uno dei due sfinteri, quello volontario, che è più che sufficiente a garantire una continenza urinaria completa. Inoltre, plesso prostata detto in precedenza, una parte delle fibre muscolari dello plesso prostata volontario aderiscono al livello prostatico, quindi plesso prostata asportate insieme con la ghiandola. La conseguenza di tutte queste manovre è un indebolimento dello sfintere volontario.

A seconda dei casi quindi è possibile avere una incontinenza urinaria di plesso prostata variabile. Le fibre nervose che formano i nervi cavernosi prendono origine dal plesso pelvico, una fitta rete di gangli e di nervi che si trova nella pelvi. Queste fibre formano fasci nervosi che decorrono, avvolti in fasce connettivali insieme con dei vasi sanguigni, prima ai lati delle vescichette seminali e poi lungo la superficie dorso-laterale della prostata costituendo i fasci vascolo-nervosi.

Interventi chirurgici plesso prostata al livello pelvico prostatectomia radicale, amputazione del retto o la radioterapia pelvica possono danneggiare questi fasci, causando disfunzione erettile. Quindi si apre lo sfintere volontario.

Tutte queste contrazioni e rilasciamenti muscolari avvengono sotto plesso prostata controllo del sistema nervoso, in parte autonomo e in parte volontario, in modo da avere una perfetta sintonia e coordinamento plesso prostata fine di una plesso prostata emissione dello sperma.

Nella prostatectomia radicale per tumore, la prostata e le vescichette seminali vengono asportati. Inoltre vengono per forza sezionati i dotti deferenti. Tubuli retti e rete testis Epididimi Dotti deferenti Uretra comune. Prostata Vescicole Seminali Ghiandole bulbo-uretrali Cowper. Pene Scroto. Ha forma di una castagna ed è localizzata profondamente nella pelvi, sotto la vescica e davanti al retto. Viene attraversata dall'uretra e dai dotti eiaculatori.

In più, è in stretto contatto con gli sfinteri urinari e i nervi e vasi dell'erezione. La sua funzione è quella di produrre liquido seminale, insieme con le vescichette seminali. A causa dei suoi rapporti anatomici, viene coinvolta nella minzione, nell'erezione e nell'eiaculazione, anche se non partecipa direttamente a queste funzioni.

Con l'età la prostata subisce delle plesso prostata importanti, aumentando plesso prostata dimensione. Le patologie prostatiche sono estremamente frequenti: l'ipertrofia prostatica benigna, che causa disturbi minzionali, le prostatiti, che causano dolore, disturbi minzionali e in alcuni casi febbre alta, e infine il cancro prostatico, il tumore solido non cutaneo più frequente nella popolazione maschile. La prostata si sviluppa e svolge la sua funzione grazie al testosterone, principale ormone maschile.

Prostata e Testosterone Nella prostata lo stimolo a crescere e il mantenimento delle dimensioni e della funzione secretoria sono dovuti alla presenza continua del testosterone nel sangue, plesso prostata ormone androgeno, prodotto dai testicoli sotto lo stimolo ipofisario.

Prostata e mnzione Una prostata sana ha le dimensioni di una noce. Plesso prostata e Sfinteri Il maschio ha due sfinteri urinari, uno volontario e uno liscio, che si contrae per via riflessa.